Casa di Baal è un’azienda agricola che nasce da una realtà familiare centenaria fatta di agricoltori. Sorge nella campagna salernitana su una collina che affaccia tra la Piana del Sele e la Costiera Amalfitana, a 130 metri sul livello del mare.
casa-baal-vignetoL’azienda di 30 ettari è stata acquistata nel 1978 dalla famiglia Salerno ed era specializzata nella coltivazione di olive. Nell’agosto del 2006 Annibale e sua moglie decidono di investire in un nuovo progetto, intraprendendo per il vino la stessa strada percorsa per l’olio, commercializzato con il marchio L’OLIVETO.
“Oggi l’azienda di 5 ettari, e con una produzione complessiva di circa 25.000 bottiglie, vede impegnati mio papà Annibale e mia mamma Anna Maria nel lavoro di campagna e noi figli nelle attività di produzione e di commercializzazione”, racconta Francesca Salerno.
L’azienda ha come prerogativa quella di lavorare SOLO materia prima ed uve di propria produzione, trasformarle e vinificarle nella propria cantina ed imbottigliarle con le proprie mani in azienda.
Agricoltura biologica, sovesci, lavorazioni minimali sui terreni, attività di prevenzione, diradamenti, vendemmia manuale, lieviti indigeni, l’uso razionale di solforosa: sono queste alcune delle pratiche attualmente impiegate in azienda per “produrre vini quanto più naturali possibile, che siano espressioni di noi stessi e del nostro territorio”.
“Il pubblico di privati, di appassionati e semplici curiosi, insieme ad enoteche e ristoranti di target medio alti che abbiano un’attenta cura alla selezione delle materie prime e dei loro prodotti, sono il nostro target di riferimento”, spiega Francesca Salerno: “Con tutti prediligiamo il contatto diretto e cerchiamo di istaurare un rapporto ‘be to be’. Puntiamo, infatti, a illustrare e chiarire le ragioni delle nostre scelte, il perché dei nostri vini e a raccontare il nostro territorio e le nostre tradizioni. Invitiamo tutti i nostri clienti a farci visita in azienda così da conoscere di persona la nostra realtà, passeggiare tra i vigneti e gli oliveti e visitare la cantina e i luoghi di produzione”.

Quali sono i vostri vini di punta?

casa-baal-cantina“I vini dell’azienda sono cinque e sono l’esito di un uvaggio di Aglianico, Barbera, Merlot per il Rosso di Baal, Fiano con percentuali di vitigni minori, tra cui il Moscato e la Falanghina, per il Bianco di Baal. L’Aglianico di Baal e il Fiano di Baal sono invece vinificati in purezza e si ottengono da una selezione delle migliori uve di Aglianico e Fiano. Questi ultimi due, insieme all’ultimo arrivato Oro di Baal, sono i vini di punta.
Oro di Baal è una produzione di nicchia (meno di 1000 bottiglie l’anno): viene ottenuto da una selezione di Fiano ed è uno spumante Metodo Classico, Dosaggio zero.
Fiano ed aglianico sono vitigni autoctoni, espressione delle nostre terre e del nostro territorio. Danno vita a vini decisi, strutturati, longevi e di grande personalità”.
Abbiamo, infine, chiesto a Francesca Salerno quali siano le prospettive future per la sua azienda.
“Dal 2006 ad oggi i nostri prodotti hanno avuto diversi premi e riconoscimenti nazionali e non, quali Gambero Rosso, Vini Dell’Espresso, Vini Veronelli, Vini Buoni d’Italia.
Completata ed ottenuta la certificazione Biologica, abbiamo intrapreso anche un discorso di agricoltura Biodinamica per la gestione del vigneto, nell’ottica di migliorare la materia prima e la qualità dei nostri vini. In azienda puntiamo anche ad incrementare le attività di degustazioni e visite in cantina così da dare ad un sempre più ampio pubblico la possibilità di conoscerci e di visitarci. Risulta di fondamentale importanza rafforzare la nostra presenza sul mercato estero, entrando anche in nuovi mercati, pur mantenendo la nostra individualità e peculiarità”.

CASA DI BAAL Azienda Agricola
Via Tiziano, n. 14 – 84096
Montecorvino Rovella (SA)
Tel./Fax 089.981143DSC_0337-casa-baal