Fantastica granita siciliana

3 settembre 2016featuredSpecialità Tipiche Siciliane451Visualizzazioni

Si dice che la ricetta della granita siciliana derivi da una bevanda araba: lo sherbet, un sorbetto aromatizzato con acqua di rose e poi ghiacciato che i Siciliani conobbero durante lepoca della colonizzazione araba sullisola.

La zona più tipica della granita è Messina ma questa specialità viene preparata in tutta la Sicilia, con delle piccole differenze nel gusto e nella consistenza. In alcune zone è più dolce e cremosa, quasi simile a un gelato, mentre in altre si avverte meno lo zucchero e la granulosità è diversa. Viene rigorosamente consumata a colazione, ma ogni momento della giornata va bene per gustare questa bevanda rinfrescante.

La granita siciliana è difficile da dimenticare una volta assaggiata; è granulosa, leggera, dissetante ma ricca di gusto, molto diversa dal sorbetto e dal gelato. I siciliani amano gustarla al mattino, come fresca colazione estiva insieme all’intramontabile brioche locale col tuppo. I gusti sono svariati, dai più semplici ai più golosi: classica al caffè, ingentilita da un ciuffo di panna montata, golosa al pistacchio, ai gelsi rossi – più difficile da trovare – al limone, alle mandorle e alla ricotta.

Come si fa la granita siciliana al caffè

Per preparare in casa la classica al caffè occorrono:
2,5 dl. di caffè
,
1/2 litro di acqua
100gr. di zucchero,
1,5dl. di panna montata.

In una casseruola portate a ebollizione 1/2 litro di acqua con lo zucchero e mescolate finché non si sarà completamente sciolto. Preparate un caffé forte, aggiungetelo allo sciroppo e fate raffreddare. Versate il composto in un contenitore in acciaio inox e girate ogni mezz’ora il composto con una frusta. Trascorse circa 4 ore, togliete il recipiente dal freezer una mezz’ora prima di servire e quando il ghiaccio comincia a fondere, con un mixer o un frullatore ad immersione lavorate per bene la granita, raggiungendo la granulosità desiderata (deve essere molto morbida). Distribuite la granita in coppette di vetro e decorate con ciuffi di panna montata, accompagnandola con la tipica brioche siciliana, che si spezzetta con le dita e s’intinge nella granita.