Italia Paese sano grazie alla dieta mediterranea

10 agosto 2017Nutrizione94Visualizzazioni

Nella recente classifica di Bloomberg Global Health Index, l’Italia risulta prima su 163 Paesi. Tra gli indicatori ci sono la qualità e la durata di vita. Non conta solo la ricchezza, ma soprattutto il tipo di alimentazione e la dieta mediterranea risulta vincente.

In questi ultimi anni si è osservato un cambio di mentalità e di comportamento alimentare a livello globale e, oggi, il cibo viene visto soprattutto come fonte di benessere. L’Organizzazione Mondiale della Sanità da sempre evidenzia lo stretto legame tra nutrizione e salute, considerandole entrambe due diritti umani fondamentali. L’alimentazione è uno dei fattori che maggiormente incidono sullo sviluppo, sul rendimento e sulla produttività delle persone, sulla qualità della vita e sulle condizioni psico-fisiche con cui si affronta l’invecchiamento. Inoltre, una dieta corretta rappresenta un valido strumento di cura per molte malattie e di prevenzione per molte altre.

pexels-photo-piatto-carne

Ai primi posti della classifica fatta dal Bloomberg Global Health Index, subito dopo il Belpaese, si trovano Islanda, Svizzera, Singapore, Australia, Spagna, Giappone, Svezia, Israele e Lussemburgo, che rientrano nella top ten. Israele occupa il posto più alto in classifica tra i Paesi del Medio Oriente, il Cile tra quelli dell’America Latina e la Slovenia tra quelli dell’Europa dell’Est.

La dieta mediterranea è il fattore principale di garanzia di salute per gli italiani. I benefici di questo regime alimentare sono noti in tutto il mondo e sarebbero confermati dal parere espresso da Adam Drewnowski, direttore del Center for Public Health Nutrition dell’Università di Washington (USA), che sottolinea l’importanza di consumare prodotti freschi, frutta, carne magra e pesce.italia-tavola

Certo, il legame tra reddito pro-capite e salute è evidente, eppure ricchezza significa anche salute solo se si combina a fattori culturali come l’attenzione all’alimentazione, l’abitudine a praticare attività fisica e un corretto stile di vita in generale. Uno stile che gli italiani hanno scelto e praticano a differenza degli Stati Uniti, dove il tasso di obesità è tra i più alti del pianeta, causa primaria della loro scarsa performance in classifica. Secondo il Global Health Index, la dieta italiana, che include quantità moderate di carni e salumi e ha nella varietà di alimenti consumati il suo punto di forza, resta il fattore fondamentale che garantisce salute, qualità della vita e longevità. Questo riconoscimento è importante in un momento in cui il consumo di carne è stato ed è pesantemente penalizzato da campagne di disinformazione che creano pericolosi allarmismi alimentari e possono portare a scelte di consumo controproducenti.