Il ruolo nutrizionale e terapeutico degli alimenti

2 aprile 2019AlimentazioneAlimenti terapeuticiBenessere961Visualizzazioni
Curarsi con l’alimentazione è possibile. A spiegarlo Fausto Aufiero, medico irpino nel settore delle medicine naturali ed energetiche, ed il naturopata romano Michele Pentassuglia, nel volume “Il ruolo nutrizionale e terapeutico degli alimenti”.
Alimentarsi bene per stare in salute

Il volume “Il ruolo nualimentitrizionale e terapeutico degli alimenti” del Dott. Fausto Aufiero e del naturopata Michele Pentassuglia, qualificato in tecniche di preparazione degli alimenti, è per tutti coloro che vogliano approfondire le possibilità terapeutiche degli alimenti.

Il nutrizionista sarebbe come un generale che, non conoscendo a fondo i suoi soldati, non potrebbe disporli in modo coerente ed efficace.

Corretta preparazione

Decisa la condotta bionutrizionale da seguire, per il nutrizionista è fondamentale conoscere la corretta tecnica di preparazione dei vari cibi che prescrive.

Ciò per sfruttarne al massimo la biodisponibilità e il potere terapeutico oltre quello semplicemente nutrizionale. Allo stesso modo, solo se il paziente è informato, comprenderà che applicare la giusta modalità di cottura è determinante per il massimo risultato .

ruolo-nutrizionale-e-terapeutico-degli-alimenti

La relazione costante e continua fra teoria e pratica costituisce l’unico percorso valido per ampliarne e migliorarne l’efficacia. Nel caso dell’alimentazione, la corretta prescrizione dei cibi utili al paziente richiede una altrettanta corretta modalità di preparazione.

Come per i farmaci, nei quali il principio attivo può non arrivare al sito d’azione per svolgere la sua funzione curativa se non associato ai necessari eccipienti, il “rimedio” alimentare può rivelarsi inefficace se non viene preparato nel modo giusto.

Quindi lo scopo del testo è fornire al terapeuta le adeguate conoscenze in merito alle modalità di cottura dei cibi. Ciò, oltre le loro caratteristiche organolettiche e le principali indicazioni e controindicazioni degli stessi, prima di proporli in funzione terapeutica. Per il paziente invece è uno strumento valido per la preparazione in casa di pasti semplici.