Pier 52 celebra il tartufo

14 ottobre 2017Ristorazione128Visualizzazioni

Il tartufo d’Alba ospite d’onore della nuova carta autunnale del Pier 52 con una selezione di proposte innovative, capaci di raccontare la magia di questa affascinante stagione.

L’autunno è appena cominciato e il Pier 52 a Milano ne celebra l’incalzare con un menù tutto dedicato alla grande famiglia dei funghi e al suo “gran delfno” il Tartufo Bianco d’Alba.

Questo pregiatissimo tubero dalle note proprietà afrodisiache, renderà uniche le proposte gastronomiche di terra e, vera particolarità, quelle di mare del famoso ristorante meneghino, come nell’Uovo Parisi e Nuvola di Tartufo e nella Pescatrice con Patate Vitelotte e Tartufo, grazie al suo aroma intenso e alla sua voluttuosa versatilità che lo rende un partner seducente, capace di impreziosire ogni portata, persino il dessert!

Non mancano le alternative conturbanti al tartufo, grazie ad una scelta di piatti dove è il Porcino a farla da padrone, in abbinamenti più classici come nel caso della Fonduta di Taleggio o più estrosi come nell’Ombrina al Cartoccio.

Il Pier 52, che da sempre si distingue per un utilizzo di materie prime di assoluta eccellenza, ha messo a punto un menù capace di raccontare, attraverso i suoi sapori caldi, rotondi, autentici, una stagione dell’anno estremamente affascinante; al degustatore, trasportato dal profumo e dal gusto coinvolgenti del porcino e del tartufo, non resterà che arrendersi a questo squisito peccato di gola.

Il proprietario-manager Edi Beqja, che ama coccolare i propri clienti con i suoi modi affabili e le sue scelte orientate sempre verso prodotti ricercatissimi, in merito alla nuova carta spiega: “il tartufo è come una bacchetta magica in cucina, riesce a esaltare qualsiasi pietanza, ma quando viene studiato un menù ad hoc, ritagliato su questo ingrediente prodigioso, il risultato è un contrasto straordinario di sapori decisi al palato e un vero e proprio trionfo di tutti i sensi”.

Quale modo migliore quindi di dare il bentornato all’autunno se non quello di gustare le nuove squisite proposte del Pier 52 dedicate al Porcino e a quel “diamante della terra che rende le donne più tenere e gli uomini più amabili…capace di accrescere quel potere il cui esercizio è accompagnato dai più dolci piaceri” (J.A. Brillat-Savarin).