City of Food e il Mercato delle Erbe di Bologna

City of Food è un progetto dedicato alla Bologna metropolitana e alla storia del suo amore per il cibo. Una storia emiliana, di quelle autentiche e distintive per spirito d’iniziativa e creatività, che ha contribuito a rendere la gastronomia un elemento caratterizzante del Made in Italy nel mondo.

La cultura dell’alimentazione

Uno degli elementi identitari di Bologna riconosciuto a livello internazionale è il cibo, non solo per gli aspetti gastronomici. City of Food è un progetto che nasce per coordinare tutte le iniziative sul cibo, gli spazi, le esperienze, gli eventi legati ai temi dell’alimentazione che avvengono nell’area metropolitana di Bologna.

City of Food si incentra sulla qualità e sulla cultura dell’alimentazione, la nutrizione, la sostenibilità ambientale, la ricerca scientifica e la tutela della biodiversità e del suolo agricolo, promuovendo le eccellenze della città di Bologna e del suo territorio.

Viene dunque riconosciuto, per la prima volta istituzionalmente, il valore che la filiera agroalimentare e la cultura locale del cibo rappresentano per la reputazione di Bologna a livello globale.

Mercato delle erbe di Bologna: street food e vino self service

Nell’ambito del progetto City of Food, il Mercato delle Erbe di Bologna si trasforma e fa spazio a nuove attività di ristorazione. L’Amministrazione comunale ha accettato la proposta del Consorzio Mercato delle Erbe e ha individuato delle aree all’interno dello storico mercato di via Ugo Bassi in cui insediare nuove attività di ristorazione.

Tutto questo al fine di riqualificare il mercato, rivitalizzandolo con iniziative non solo alimentari ma anche culturali. Quattro nuove attività: un progetto di street-food-gourmet Mozzabella e Polpette e crescentine, che offrono una cucina espressa; un secondo punto vendita dentro al mercato dell’enoteca Vini e sapori e una ‘succursale’ dell’Enoteca di via Toscana, la Vineria San Gervasio, dove il vino proposto non solo è di qualità e a prezzi accessibili, ma si può pagare a fine serata, sulla “fiducia”, dopo averlo consumato self-service; qui si gustano ottimi aperitivi, vino e proposte gourmet.

Mercato-delle-erbe-bologna

Il nuovo concetto di Mercato cittadino gourmet

Il modello è quello dei grandi mercati europei, o simile a quello fiorentino del Mercato centrale di san Lorenzo, che da tempo hanno arricchito l’offerta tradizionale con ristorantini, bistrot, bar e attività enogastronomiche, che tanto piacciono a cittadini e turisti. Anche nel caso del Mercato delle Erbe di Bologna, in via Ugo Bassi, restano le attività tradizionali di vendita di ortofrutta e alimentari, ma sono concentrate nella navata centrale, mentre le attività ristorative occupano gli spazi ai lati della struttura.

Oltre alle proposte enogastronomiche, il Mercato delle Erbe di Bologna, in collaborazione con gli altri operatori commerciali della zona, propone anche attività culturali e intrattenimenti estivi.

Nello spazio web di City of Food, oltre a notizie dedicate al mercato delle Erbe, è possibile trovare anche altri percorsi specifici per avvicinarsi alla cultura culinaria bolognese e ai luoghi più rappresentativi della città dal punto di vista enogastronomico. Non mancano ricette tradizionali, suggerimenti, corsi di cucina, itinerari gastronomici e culturali dove vengono presentate le migliori eccellenze del territorio.