Primavera a Taormina: alla scoperta degli antichi sapori di Sicilia

Profumo di zagare, sole, mare splendido e i colori abbaglianti delle mille fioriture di stagione: quale momento migliore per vivere tutta la bellezza di Taormina se non la primavera?

isola-bella-taormina

Taormina si trova in alto, in posizione dominante sul Mar Ionio, fra il maestoso monte Etna e il mare, una posizione privilegiata che la rende un’autentica meraviglia unica al mondo. Un connubio perfetto di arte, cultura, natura ed enogastronomia, circondato da spiagge e insenature, con vedute panoramiche mozzafiato.

La zona è ottimamente servita dall’Aereoporto Fontana Rossa di Catania, dove sono disponibili vari servizi di noleggio auto: www.aeroporto.catania.it

Visita alla cittadina

Taormina si struttura come un’antica città medioevale che si snoda su alcune vie principali, come Corso Umberto I, che l’attraversa, delimitata alle estremità dalle Porte Messina e Catania. Dal Corso si accede agevolmente ai vari siti storici e culturali più rinomati: le incantevoli piazze cittadine, come Piazza IX Aprile o Piazza Duomo, con la bella fontana barocca; e poi le varie chiese: San Giuseppe, Sant’Agostino, Santa Caterina d’Alessandria e S. Nicolò, la cattedrale della città.

taormina-cittadina

Taormina offre davvero molto dal punto di vista artistico. Il simbolo principale del luogo è il Teatro Greco-Romano, noto come Teatro Antico, ancora oggi utilizzato per manifestazioni culturali nei mesi estivi, che offre una veduta incomparabile sull’Etna, sui Giardini di Naxos e sui monti Calabri.

La città è anche uno scrigno prezioso di palazzi antichi, come il Palazzo Corvaia, vero e proprio Castello, oppure il Palazzo dei Duchi di Santo Stefano, una costruzione originale incastonata nelle antiche mura difensive, situato vicino alla Porta Catania, con un bel giardino nelle vicinanze. Altro palazzo degno di nota è la Badia Vecchia, detta anche Badiazza, un torrione merlato di antica origine normanna con rimaneggiamenti decorativi del Trecento. Proprio in centro c’è il Palazzo Ciampoli, una delle costruzioni più antiche, risalente al 1400.

Passeggiando per la città è imperdibile un angolo davvero insolito: la Villa Comunale dedicata al Duca Colonna di Cesarò, che si trova a sud del Teatro, con un incantevole giardino realizzato grazie alle donazioni dell’inglese Florence Trevelyan. La vegetazione è particolare, varia ed esotica, con contaminazioni tropicali.

Percorrendo il Corso Umberto, persi in queste innumerevoli meraviglie artistiche e ammirando la vista mozzafiato dell’Etna e del mare sottostante, ci sorprendono i colori variopinti dei negozi. I profumi che si avvertono sono quelli tipici mediterranei e i sapori della cucina locale. I posti dove gustare le specialità siciliane sono numerosissimi: non c’è che l’imbarazzo della scelta. Per una sosta veloce, durante la visita alla città, vi consigliamo di fermarvi all’Arco-about pizza, a pochi passi da Porta Catania, un piccolo locale che non vi deluderà con i suoi sensazionali arancini tipici, di cui di certo farete il bis e anche il tris.

Dopo la visita al centro, si può scendere alle numerose baie ai piedi di Taormina, la Baia di Mazzarò con le sue grotte marine, Isola Bella e i Giardini di Naxos.

Baia_di_Taormina_-_Sicily

Una passeggiata a mare: i Giardini di Naxos

Ai Giardini di Naxos si potrà fare una bella passeggiata sulla spiaggia ed anche un tuffo, se il clima lo consente.

Dopo la passeggiata, sarà rilassante fermarsi a bere qualcosa, ammirando lo splendido paesaggio marino. La sosta è d’obbligo al Chiosco Bar Capo Schisò Via Lungomare Schisò – che si trova verso l’estremità sud della baia, direttamente sulla spiaggia, e che offre ottimi drink, con musica e intrattenimento serale. Qui si viene per gustare un’ottima granita siciliana. Mai troppo ghiacciata, con una granulosità perfetta, un giusto equilibrio di zucchero, la granita al caffè è davvero un piacere irrinunciabile: semplice, oppure arricchita con panna montata e accompagnata dalla classica brioscia siciliana. I locali la gustano per colazione, ma si può anche decidere di provarla come snack pomeridiano.

Per la cena vi consigliamo il ristorante Sabbie D’oro – via Schisò 14 –  non lontano dal Chiosco, sempre sul lungomare, che offre una cucina di pesce tradizionale siciliana con spunti innovativi. Il pesce è freschissimo, la scelta davvero ampia con molluschi e crostacei vari, la selezione di vini ottima.

taormina-etna

L’Etna e la degustazione

Nel nostro programma non potrà mancare una visita al vulcano, dopo averlo tanto ammirato sullo sfondo del panorama cittadino, comprensiva di una sosta alle cantine locali, per ammirare i vigneti coltivati in questo paesaggio insolito e per assaggiare gli ottimi vini della zona. Le Cantine Nicosia propongono visite e degustazioni dedicate agli appassionati dei vini siciliani e dei cibi d’eccellenza. Con Terra & Sorsi, a Trecastagni, viene messo a disposizione un percorso enoico alla scoperta dei vini dell’Etna, con la cantina aperta tutto l’anno.

nicosia-taormina

L’Enoteca offre la possibilità di prenotare visite e degustazioni, con specialità tipiche siciliane, formaggi, salumi storici e piatti locali come le scacce.

Il panorama delle Cantine Nicosia e il suo territorio valgono davvero una visita. Ai piedi di uno dei crateri spenti che costellano il vulcano, sorgono a 700 metri di altezza, i vigneti di Monte Gorna, con i tipici terrazzamenti in pietra lavica, dove si coltivano i vitigni autoctoni della DOC Etna: Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio per il rosso, Catarratto e Carricante per il bianco. Sono vitigni che godono di un clima particolare, con escursioni termiche e variazioni tipiche del territorio, offrendo ai vini un corpo, un’eleganza e una freschezza davvero unici.

cantine-nicosia

Per le visite e le degustazioni www.terraesorsi.it

Cantine Nicosia
via Luigi Capuana, 65
Trecastagni (CT)
Tel. 095 7806767 – Fax 095 7808837
info@cantinenicosia.it
www.cantinenicosia.it

Dall’aeroporto Fontana Rossa di Catania, da Palermo, da Siracusa: tangenziale di Catania, uscita Paesi Etnei.

Da Messina e Taormina: autostrada A18 Catania-Messina, uscita Acireale. Seguire poi le indicazioni per l’Etna e per Trecastagni (circa 8 km dalle due uscite autostradali).