Un nuovo chef nella cucina di EDIT Restaurant

27 gennaio 201960Visualizzazioni

L’EDIT Restaurant accoglie in cucina lo chef emiliano Matteo Monti. Il neonato polo nello scenario gastronomico, culturale e sociale della “nuova” Torino, ha voluto presentarsi all’appuntamento con il 2019 portando una novità. 

 

Una nuova sfida

Un interessante passaggio di testimone per continuare a dare risalto allo spazio che si trova al secondo piano della struttura. Qui, ogni barriera possibile tra cucina e sala è stata annullata. Così da accogliere e accompagnare gli ospiti da vicino durante il loro viaggio gastronomico.

La cucina centrale a vista e il bancone che la circonda con le sue 16 sedute, creano uno dei più grandi Chef’s Table d’Italia, e saranno il nuovo palco dello chef Monti insieme ai 50 coperti presenti in sala.

edit_restaurant_esterno
L’EDIT Restaurant a Torino

Lo chef Monti

Matteo Monti è un cuoco di sostanza che conosce le cucine regionali italiane così come la cucina d’avanguardia internazionale. Un artigiano affezionato ai sapori rotondi della nostra tradizione ma capace di tocchi spiazzanti ispirati dal mondo globale. Ceviche, anolini e agnolotti, piada “matta”, tonno di coniglio alla soia. Un menu senza tempo che cambia spesso colori, ma rimane sempre rock dalla prima all’ultima nota.

Classe 1979, dopo aver frequentato la scuola alberghiera la sua prima esperienza arriva nel 1999, a fianco dello chef Filippo Chiappini Dattilo dell’Antica Osteria Del Teatro di Piacenza. Nel 2004 Paolo Lopriore lo chiama al ristorante Il Canto dell’Hotel Certosa di Maggiano di Siena come capo partita. Lì rimane fino al 2007 quando sente il bisogno di un’esperienza straniera, volando a Oslo per lavorare a fianco dello chef Eyvind Ellstrom del ristorante Bagatelle.

 

matteo_monti
Lo chef Matteo Monti

 

Durante il suo soggiorno norvegese riceve una nuova chiamata da Lopriore, che lo vuole come sous-chef. Andrà via alla fine del 2009 per raggiungere Davide Scabin al Combal.Zero di Rivoli, e con lui rimarrà nei tre anni successivi, prima di ricevere ancora una chiamata da Lopriore, che stavolta lo vorrebbe come executive chef al ristorante Il Canto.

La sua strada prosegue con il Rebelot, di Milano. Nel 2015 diventa chef e prova per la prima volta l’esperienza di un bancone, entrando in contatto con il cliente in un modo più diretto e profondo. Nel gennaio 2019 inizia la sua esperienza in EDIT. Ritrova il banco e una struttura in cui la condivisione in tutti i suoi aspetti è all’ordine del giorno. Si porta in dote uno stile di cucina in cui si riconoscono i suoi grandi maestri (Chiappini, Lopriore e Scabin). Maneggia le basi classiche unendole alla capacità di seguire il proprio istinto.

 

Ringraziamenti

EDIT ringrazia i Costardi Bros, Christian e Manuel, per questo anno intenso di lavoro, consulenze, idee e confronti, ma si prepara a un cambio di marcia con l’inserimento in struttura di un Resident Chef.

 

edit_restaurant_interno
La cucina dell’EDIT Restaurant