Regole di sicurezza alimentare in cucina

12 luglio 2018featuredNutrizione33Visualizzazioni

Secondo l’EFSA, l’autorità europea della sicurezza alimentare, il 33% delle malattie alimentari è causato da un comportamento non adeguato nel trattare i cibi e soprattutto la carne. In un momento in cui si verificano sempre più casi di intossicazioni alimentari è bene essere accorti ed evitare ogni possibile pericolo durante la preparazione dei cibi e dei pasti, soprattutto per bambini ed anziani che sono i soggetti più sottoposti ad ammalarsi.

Ecco alcune regole basilari cui attenersi per non correre rischi:

  1. Stoccate subito gli alimenti in frigo non appena acquistati.
  2. Cuocete e consumate la carne e alimenti simili subito, una volta estratti dal frigo.
  3. Non utilizzate mai i taglieri, i ripiani e gli utensili impiegati per pulire e trattare la carne macinata, pollo e altri tipi di carne per altri alimenti. Lavarli prima a lungo, in acqua bollente con detersivo, e asciugarli perfettamente. Non lavare stoviglie, tagliere e posate usate per la carne sotto il rubinetto, altrimenti favorite la diffusione dei batteri dappertutto.
  4. Non lavate mai pollo e volatili sotto l’acqua corrente perché il Campylobacter presente sulla pelle del pollo si sparge rapidamente ovunque e vi rimane. Lavare è pericoloso anche per la salmonella che non teme il caldo se non a temperature elevatissime.
  5. Non consumate carne poco cotta, soprattutto gli hamburger abbiate cura di cuocerli lentamente e a lungo che la carne interna si cuocia uniformemente. Non lasciate la carne cotta fuori da frigo. Se congelate la carne cotta, ricordate di portarla subito ad alte temperature senza utilizzare il forno a microonde.