L’industria agroalimentare irlandese leader mondiale nella sostenibilità

Il pionieristico Origin Green, lanciato nel giugno 2012 da Bord Bia – Irish Food Board è il primo programma di sostenibilità a livello nazionale per il settore food & beverage.
Da quando Origin Green è stato lanciato, più di 55.000 aziende agricole irlandesi e 122 società nei settori food & beverage ed orticoltura hanno aderito al programma, diventando membri verificati. Queste aziende agricole non solo rappresentano il 90% della produzione di manzo irlandese e la metà della sua produzione di latte ma, allo stesso tempo, l’85% delle esportazioni food & beverage del Paese.

Aidan Cotter, CEO di Bord Bia (Foto di Gary O’ Neill)

“A tre anni e mezzo dal suo lancio, Origin Green ha acquisito importanza nazionale, ottenendo consensi anche all’estero in misura davvero inaspettata, riferisce Aidan Cotter, CEO di Bord Bia – Irish Food Board. Questo sta cambiando il nostro modo di produrre e il nostro modo di fare business in un mercato sempre più esigente e in un mondo in costante cambiamento”.
Un aspetto unico di Origin Green è rappresentato dal fatto che tutte le aziende agricole partecipanti vengano verificate sulle emissioni di CO2 una volta ogni 18 mesi. Fin dal lancio del programma, quasi 90.000 valutazioni sulle emissioni di CO2 sono state effettuate nelle aziende agricole irlandesi. Già solo quest’iniziativa, secondo Aidan Cotter, conferma l’industria agroalimentare irlandese leader mondiale nella sostenibilità.

Irlanda mucche pascolo orgin green
Il report di Bord Bia – Irish Food Board indica che il totale dei gas serra generati dall’agricoltura potrebbe essere ridotto del 6%, o di 1 milione di tonnellate, se le aziende produttrici di carne bovina e di prodotti lattiero – caseari meno performanti fossero in linea con la media nazionale. Il bestiame per la produzione di latte in Irlanda vanta l’impronta di CO2 più bassa di tutta l’Unione Europea, mentre i capi per la carne bovina si collocano al quinto posto. Il report sostiene, inoltre, che se l’impronta di CO2 del bestiame destinato alla produzione di carne bovina fosse ridotta del 10% – seguendo una serie di misurazioni di performance – questa potrebbe diventare la più efficiente in Europa, generando un reddito aziendale aggiuntivo di €300 milioni all’anno sugli allevamenti.
BORDBIAorigingreenSecondo il programma Origin Green, alle aziende alimentari viene chiesto di creare un piano di sviluppo sostenibile per i prossimi 3-5 anni, in cui gli obiettivi riguardano ambiti quali l’approvvigionamento delle materie prime, l’uso dell’energia, emissioni di gas serra, la gestione dell’acqua e dei rifiuti, e la sostenibilità sociale, come per esempio la produzione di alimenti più sani e investimenti nelle comunità locali.
L’obiettivo di Bord Bia – Irish Food Board ai tempi del lancio nel 2012 era che tutte le aziende agroalimentari irlandesi aderissero entro il 2016 a Origin Green. Tale obiettivo è concretamente in via di realizzazione.
Il prossimo obiettivo sarà di capire come ridurre l’impatto ambientale del settore attraverso il programma Origin Green, con un occhio di riguardo non solo alla riduzione delle emissioni, alla biodiversità e alla qualità dell’acqua, ma anche al miglioramento dell’impatto sulla società, soprattutto in termini di salute e di benessere.
A breve Bord Bia – Irish Food Board estenderà il programma Origin Green anche alla grande distribuzione e ai servizi di ristorazione così da coprire tutta la filiera e poter raggiungere anche i consumatori finali.