10 farine senza glutine

21 agosto 2017farinegluten-freesenza glutine2373Visualizzazioni

Quelle che vi proponiamo qui sono 10 farine senza glutine che possono essere utilizzate da chi ha problemi di intolleranza al glutine o da chi soffre di particolari allergie. Possono sostituire le farine classiche di frumento, senza rinunciare alla leggerezza e al gusto. Sono anche un’ottima occasione per variare la vostra dieta e per provare nuove combinazioni.

1 – Farina di riso
La farina di riso è reperibile nei negozi bio e nei supermercati ma può anche essere fatta a casa mettendo il riso nel macinino e frullandolo fino a ridurlo in polvere. La farina di riso può essere utilizzata per addensare salse e creme, per preparare gnocchi e pasta, per realizzare budini e creme. Si presta per panare pesce e verdure e sostituisce la farina di frumento raffinata nella preparazione della besciamella. Alcuni cucchiai di farina di riso integrale aggiunti negli impasti delle torte rendono i dolci più soffici.

2 – Farina di ceci
La farina di ceci è un’ottima alternativa alla farina di frumento. Ottenuta dalla macinazione dei semi essiccati del cece, viene utilizzata in molte ricette tipiche regionali. È ricca di minerali e proteine vegetali. La farina di ceci si presta anche per essere preparata in polenta e quindi fritta, oppure per realizzare crepe e piadine. Può essere usata per preparare pasta fresca e gnocchi. È ideale come sostituto delle uova, in quanto ha ottime proprietà leganti: la proporzione è di due cucchiai di farina per ogni uovo. Facilmente reperibile nei supermercati, al reparto farine.

farina di ceci

3 – Farina di quinoa
La farina di quinoa può essere preparata a casa, lavando bene i chicchi per togliere le tracce di saponina, poi facendola asciugare bene e tostandola. Una volta tostata viene passata al mixer.
È ricca di aminoacidi e sali minerali, come calcio, ferro e potassio. Ottima per preparare piadine, polpettine, crepe e gnocchi. Si trova nei negozi Bio o in qualche supermercato ben fornito.

4 – Farina di soia
La farina di soia si ottiene dalla macinazione dei semi di soia, una pianta della famiglia delle Leguminose. Ha un basso indice glicemico, ed è adatta quindi anche ad essere inserita nelle diete per diabetici. Ha proprietà ricostituenti, è ricca di proteine e contiene molti aminoacidi. È ideale anche per le donne in menopausa grazie alla presenza di isoflavoni e fitoestrogeni. La farina di soia si presta per fare prodotti da forno quali pane, pizze e focacce. Ottima anche per preparare dolci e biscotti.  Reperibile nei negozi bio.

5 – Farina di mais
La farina di mais, ottenuta dalla macinazione dei semi di Zea mais, è ricca di carotenoidi e svolge un’importante azione antiossidante e astringente. È una farina povera di proteine e di vitamine del gruppo B. Può essere utilizzata per impanare e per la preparazione di gnocchi, polente, minestre, sformati, pane, tortillas, crêpes, pasta, e dolci. Reperibile facilmente in tutti i supermercati.

Farina di mais

6 – Farina integrale di grano saraceno
Il grano saraceno non appartiene alla famiglia dei cereali ma alle Polygonaceae. Contiene vitamine del gruppo B, E, P e Rutina, utile per prevenire la rottura dei capillari. È ricca di calcio, fosforo, magnesio e rame. In purezza viene impiegata raramente perché ha scarse proprietà leganti e lievitanti, ma si possono preparare i famosi blinis russi, simili ai pancake, da gustare dolci o salati, e poi gnocchi, polpettine e focaccine basse. Si acquista nei negozi bio o la si prepara in casa dai germi di grano saraceno.

7 – Farina di tapioca
Si tratta di una fecola derivante dai tuberi di una pianta tropicale e, cioè, della manioca amara. La farina di tapioca vanta un enorme potere calorico: un ettogrammo di fecola fornisce, infatti, circa 350 calorie. È un’alternativa alla farina bianca e può essere utilizzata per preparare zuppe, creme, budini e prodotti da forno. La farina di tapioca è costituita principalmente da carboidrati. Reperibile nei negozi specializzati in prodotti stranieri.

tapioca

8 – Farina integrale di miglio
È il prodotto integrale della macinazione del miglio decorticato, un cereale originario dell’Asia. Nonostante lo scarso apporto di proteine, possiede un buon contenuto di vitamina B1, vitamina PP, ferro, potassio, magnesio, silicio e fosforo e amido. Il suo gusto delicato la rende molto versatile per la preparazione di diversi piatti, sia dolci che salati. Grazie ai minerali che contiene, ha un effetto benefico sullo smalto dei denti, sui capelli, sulle unghie e sulla pelle. Con la farina di miglio è possibile fare pane, gallette salate, dolci, polpette, zuppe, grissini, biscotti e torte. Si usa miscelata alla farina di mais. Reperibile nei negozi bio.

9 – Farina integrale di sorgo
È simile alla farina di mais e ha un alto profilo nutrizionale possedendo vari aminoacidi essenziali, fibre, sali minerali come ferro, calcio, potassio, vitamine del gruppo B. È ricca anche di antiossidanti e fito composti quali fitosteroli, acidi fenolici e flavonoidi. È molto digeribile e facilmente assimilabile. Si usa soprattutto per la preparazione del pane. Reperibile nei negozi bio.

10 – Farina integrale di amaranto
Questa farina non è prodotta da un cereale ma da una pianta da fiore, l’Amarantacea. La farina di amaranto è prodotta macinando su antiche mole in pietra naturale i chicchi di amaranto coltivati biologicamente. Si tratta di una farina molto profumata e adatta alla preparazione di prodotti da forno e biscotti. Contiene buone quantità di proteine, fibre, sali minerali e lisina. Reperibile nei negozi specializzati.

Amaranto1