Bovillage, produzione nel rispetto del benessere animale 

26 gennaio 2018Carne Francese448Visualizzazioni

Gli allevatori che riforniscono gli stabilimenti di macellazione aderenti alla marca Bovillage rispettano alla lettera i principi delle “Buone Pratiche di Allevamento”, realizzati dalla filiera per garantire le condizioni migliori agli animali, sia durante la loro vita, che nel trasporto allo stabilimento di macellazione.

La carta delle buone pratiche di allevamento è costituita da cinque elementi:

Identificazione rigorosa degli animali
Alimentazione sana e controllata
Controlli sanitari
Benessere degli animali
Preservazione dell’ambiente

Benessere e comportamento naturale

Il benessere è un elemento essenziale per la salute dell’animale e quindi per la qualità della carne. Trattare bene gli animale, osservare le regole, farli vivere senza stress e in condizioni adeguate sono fattori essenziali soprattutto per gli allevatori. Sono gli allevatori che hanno un contatto quotidiano con gli animali, che ne conoscono i comportamenti naturali, le reazioni e sanno cosa è meglio per loro.Il benessere animale non implica solo un buono stato di salute fisica, ma anche benessere psicologico e possibilità di esprimere la natura e il comportamento propri della specie in tutta libertà. Secondo le Cinque libertà, il benessere può essere descritto come soddisfacente se gli animali sono in buona salute fisica e psicologica, si sentono bene e non soffrono. Questi i cinque principi fondamentali indicati dal Farm Animal Welfare Council nel 1992 che sono stati poi ripresi per definire il benessere animale dall’Organizzazione mondiale della salute animale (OIE) e sono tuttora un riferimento nel settore.

Le cinque libertà per il benessere animale:

Non soffrire fame o sete – accesso ad acqua fresca e a cibo adeguato che assicurino la buona salute degli animali.
Non soffrire di disagio ambientale – ambiente adeguato con riparo e area di riposo confortevole.
Non soffrire di dolori, ferite o malattie – prevenzione o diagnosi veloce e cura.
Poter esprimer i comportamenti naturali propri della specie – spazio sufficiente, ambiente adeguato ai bisogni degli animali, contatto con altri animali .
Non provare paura o stress – condizioni di allevamento e pratiche che non generino sofferenze psicologiche.