Al Vinitaly, il Movimento Turismo del Vino

15 aprile 2018vinitaly112Visualizzazioni

Il Movimento Turismo del Vino sarà presente con il proprio stand ufficiale al Vinitaly 2018 dal 15 al 18 aprile 2018 a Verona, anche quest’anno presso il padiglione 10 – A2 nella “zona” delle aziende vitivinicole piemontesi.  La associazione accoglierà visitatori, appassionati ed esperti del mondo del vinocon una serie di iniziative per raccontare la ricchezza di un movimento che unisce le migliori esperienze enologiche italiane selezionate per la capacità di unire l’esperienza sensoriale del vino di alta qualità e la cultura della ricezione turistica e promozione territoriale. Questa edizione del Vinitaly rappresenterà inoltre un ideale debutto come “padrone di casa” per Nicola D’Auria, il nuovo Presidente Nazionale del Movimento Turismo del Vino.


L’enoturismo è diventato un vero e proprio asset per l’economia italiana, con numeri in crescita e prospettive rosee, come dimostra il dato della World Food Travel Association: il 49% dei turisti mondiali ha indicato il cibo e il vino la ragione principale di almeno un proprio viaggio negli ultimi due anni. Compito del Movimento Turismo del Vino è arricchire con uno sforzo culturale, mai venuto meno dalla nascita della associazione, le possibilità del turismo culturale ed enologico grazie a una serie di incontri tematici che arricchiranno la vita dello stand nei tre giorni della fiera veronese.
Domenica 15 aprile 2018 dalle 12:30 si inizierà con la Cerimonia inaugurale dello stand, mentre dalle 13:00 sensorialità e cultura andranno a braccetto con la degustazione “Le terre di Federico” a cura del  Movimento Turismo del Vino di Puglia; alle 14:00 sarà la Calabria a raccontare “il Krotonese tra vini e leggende” a cura delle aziende agricole socie del Movimento Turismo del Vino Calabria Barone Capoano di Cirò Marina, La Pizzuta del Principe di Strongoli e Sant’Andrea di Isola Capo Rizzuto, alla presenza dell’On. Dorina Bianchi, Sottosegretario Ministero Beni Culturali, con delega al Turismo; dalle 15:30 l’azienda agricola Baccellieri di Bianco (RC) presenta “Siccagno, un bianco d’oro”. Alle 16:00 sarà la Toscana a fare da protagonista con la Degustazione del Chianti Classico La Ghirlanda 2015 Bindi Sergardi.


La seconda giornata del Vinitaly, lunedì 16 aprile, vedrà alle 11:00 l’evento “Magna Grecia Lifestyle e Palizzi Igp (RC): alta qualità e marketing territoriale” a cura del Movimento Turismo del Vino Calabria. Dalle 12:00 uno spazio dedicato ai più piccoli “Bambini, gnomi e occhialini 3d: nasce il wine tourism for kids” a cura dell’Associazione Nazionale Città del Vino, che presenterà il progetto “Sostegno ai Giovani Talenti” intitolato “Il paesaggio del vino. Nuove forme di conoscenza del territorio”. La sostenibilità è uno dei valori fondanti del Movimento Turismo del Vino, se ne parlerà alle 14.00 con l’appuntamento “Enoturismo sostenibile: tour e tasting alle cantine Statti di Lamezia Terme”. Sarà ancora protagonista alle 15:30 il connubio cultura e sapori con la degustazione guidata “Valle d’Itria e Magna Grecia”.
Martedì 17 Aprile a partire dalle 12:00 una degustazione a cura del Coordinamento delle Città del Vino della Calabria, mentre alle 14:00 protagonista sarà “Il Salento” con una degustazione guidata e momento culturale a cura del Movimento Turismo del Vino Puglia. Alle 16:00 si parlerà della “zona Jonica reggina” con l’azienda agricola Feudo Gagliardi di Caulonia (RC), socia del Movimento Turismo del Vino Calabria.
La cantina come punto d’incontro e strumento ideale per la promozione e la valorizzazione del territorio; il vino nel suo valore culturale più profondo, la conoscenza della strada che percorre un grappolo di uva fino alla bottiglia, per dare il giusto valore al lavoro dei vignaioli e sviluppare la conoscenza opportuna nei consumatori, il vignaiolo sentinella e custode del territorio ed anima di quel paesaggio magnifico rappresentato dai vigneti. Questi gli obiettivi che il Movimento Turismo del Vino, associazione no profit, persegue sin dal 1993, anno della sua fondazione ed anche della prima edizione di un evento che ha segnato la storia, “Cantine Aperte”. Da allora il Movimento Turismo del Vino, è cresciuto fino ad annoverare circa annovera circa 1000 fra le più prestigiose cantine d’Italia, selezionate sulla base di specifici requisiti. Primo fra tutti, quello della qualità dell’accoglienza enoturistica.
Con il suo impegno costante il Movimento Turismo del Vino mira ad accrescere il settore enoturistico nazionale, che rappresenta una risorsa economica fondamentale per lo sviluppo dei territori ed un efficace strumento per la tutela dell’ambiente. Ogni anno il racconto del Movimento Turismo del Vino, oltre al Vinitaly, comprende ‘Cantine Aperte’ a fine maggio,  ‘Calici di Stelle’, la festa di metà agosto che vive nelle piazze dei comuni delle Città del Vino, per giungere poi al momento della raccolta, con ‘Benvenuta Vendemmia’, ‘Cantine Aperte a San Martino’ e ‘Cantine Aperte a Natale’